ethereum, altcoin, bitcoin, forex, trading, azioni, titoli, finanza, economia, criptovalute

Le criptovalute: che cosa sono le monete virtuali

Il mercato delle criptovalute anche note come monete virtuali, nonostante il suo recente declino, sta acquisendo importanza.

Oltre ad essere una risorsa digitale per le transazioni, alcuni marchi utilizzano le criptovalute per effettuare acquisti. Con gli NFT e il Metaverso, le criptovalute possono guadagnare più spazio.

Quindi è importante capire, Le criptovalute: che cosa sono le monete virtuali e come funzionano.

Criptovalute: cosa sono

Una criptovaluta è un sistema di pagamento digitale che non si affida alle banche per verificare le transazioni e conservarle in portafogli digitali.

È un sistema peer-to-peer che consente a chiunque, ovunque, di inviare e ricevere pagamenti. I pagamenti in criptovaluta esistono solo come voci digitali in un database online che descrivono una particolare transazione.

Quando trasferisci fondi in criptovalute, la transazione viene registrata su un libro mastro pubblico.

La criptovaluta prende il nome perché utilizza la crittografia per verificare le transazioni. Ciò significa che la crittografia avanzata implica l’archiviazione e il trasferimento di dati crittografati tra portafogli e registri pubblici. La crittografia è essenziale in quanto è progettata per fornire sicurezza e protezione.

La prima criptovaluta è stata Bitcoin, che è stata creata nel 2009 e rimane la più popolare fino ad oggi. La maggior parte dell’interesse per le criptovalute deriva da scambi al rialzo a scopo di lucro, ma anche da ribassi, improvvise variazioni di valore e volumi elevati.

Come funzionano le criptovalute?

Le criptovalute: che cosa sono le monete virtuali, come funzionano?

Come accennato in precedenza, le criptovalute vengono eseguite su un libro mastro pubblico distribuito chiamato blockchain. Questo è un registro di tutte le transazioni aggiornate e detenute dai detentori di valuta.

Le singole unità di criptovaluta vengono create attraverso un processo chiamato mining. Questo processo prevede l’utilizzo della potenza di un computer per risolvere complessi problemi matematici. Una volta risolti questi problemi, vengono generate le monete.

Gli utenti possono anche acquistare monete dai broker, conservarle e spenderle utilizzando portafogli crittografati.

Se possiedi una criptovaluta, non hai alcun bene tangibile. Quello che hai è una chiave che ti consente di trasferire un record o un’unità di misura da una persona all’altra senza una terza parte fidata.

Sebbene Bitcoin esista dal 2009, le applicazioni delle criptovalute e della tecnologia blockchain nella finanza stanno ancora emergendo, con molti altri usi previsti in futuro.

Gli scambi tra cui obbligazioni, azioni e altre attività finanziarie potrebbero eventualmente essere scambiati utilizzando la tecnologia. Inoltre, dobbiamo considerare il potenziale del Metaverso, dove gli NFT (Non-Fungible Tokens) sono già acquistati utilizzando criptovalute.

Cosa dovresti sapere sulle criptovalute?

La caratteristica più importante, e forse la più volatile, è che le valute virtuali possono teoricamente essere create da chiunque. Non c’è da stupirsi che tu senta che ci sono centinaia di monete digitali in circolazione.

Crearne uno è facile.
Inizia con CD. ICO, acronimo di Initial Coin Offering.
Un ICO è un meccanismo per raccogliere fondi per avviare un’impresa. Nel caso in esame, questa è l’attività finanziaria di emissione di criptovalute acquistate con denaro reale. Contanti come si suol dire. Quindi in dollari, sterline, euro, ecc.

Dopo questo momento, la criptovaluta è ora emessa, può iniziare ad essere utilizzata per effettuare acquisti e transazioni su piattaforme specifiche.

3 componenti di valuta virtuale

Le criptovalute sono “immateriali”, il che significa che rappresentano solo denaro virtuale.

Pertanto, per identificarli, devono avere determinate caratteristiche ed elementi costitutivi. In particolare se ne possono individuare 3.

1) Libro Mastro

È un registro in cui sono conservate tutte le catene di transazioni. Prende anche il nome di blockchain o registro distribuito.

2) Protocollo

Esiste una serie di regole, identificate nel codice del computer, che spiegano come dovrebbero procedere coloro che sono coinvolti in una transazione.

3) Rete dei partecipanti

Individuare la rete dei partecipanti che consultano, aggiornano e salvano le transazioni nel libro mastro secondo le regole stabilite dal protocollo. È una rete decentralizzata.

Valute virtuali: legali o illegali.

Le criptovalute: che cosa sono le monete virtuali e la loro legalità o non, è argomento di profonda discussione oramai da quando bitcoin ha fatto il suo avvento, oramai 10 anni!

Molte volte quando sentiamo parlare di valute virtuali o criptovalute, una delle domande che tutti ci poniamo è se siano legali e legali o meno dato che è ancora oggi un argomento così poco conosciuto.

Pertanto, possiamo tranquillamente affermare che, al momento, le valute virtuali sono legali.

Ad oggi, nessun governo ha emanato leggi specifiche per rendere illegali le valute virtuali, dato che le criptovalute vengono utilizzate secondo gli stessi principi del denaro reale.

Valuta virtuale: dove usarla

La crescente popolarità di queste valute virtuali, come Bitcoin e Ethereum, è dovuta al fatto che la valuta virtuale consente ai suoi utenti di effettuare acquisti in completa privacy presso i negozi online che le accettano.

Ad esempio, è impossibile identificare chi possiede e utilizza Bitcoin ed Ethereum perché la rete peer-to-peer che regola le transazioni garantisce l’anonimato della valuta, aggirando i controlli delle agenzie di credito e delle agenzie governative.

Inoltre valute virtuali come Bitcoin/Monero/Litecoin/Ripple/Ethereum ecc. Non può essere confiscato o svalutato.

Le valute virtuali sono attualmente disponibili solo online; ci sono diversi siti su Internet dove è possibile acquistare e vendere beni utilizzando le criptovalute come metodo di pagamento.

Purtroppo però, come in molti altri casi, il completo anonimato delle garanzie di acquisto offerte dal denaro fisico può motivare i suoi possessori ad utilizzarlo per acquistare online prodotti di dubbia provenienza o addirittura ritenuti illegali.

Ad esempio, gli utenti svizzeri sono stati in grado di pagare le tasse utilizzando valute virtuali come Bitcoin per diversi mesi. A luglio il servizio è stato lanciato anche per i residenti di Zurigo, capoluogo dei cantoni svizzeri, che possono pagare una tassa comunale fino a 200 franchi.

Vale la pena investire in criptovalute?

Come accennato in precedenza, il fatto che, salvo poche eccezioni, queste valute non siano riconosciute a livello di governo in nessuna parte del mondo ha suscitato una serie di riflessioni.

Primo fra tutti l’assoluta mancanza di tutele per i consumatori risparmiatori.
Da anni si parla di difesa dei diritti, soprattutto sotto la pressione della legislazione europea.
Tutela della privacy, tutela dei consumatori, tutela dei depositanti.

Chiaramente, non esiste difesa di alcun genere che possa essere invocata in caso di frode, inganno o malfunzionamento della piattaforma su cui sono custoditi gli e-wallet (ovvero i wallet).
Non essendoci veri e propri obblighi nei confronti di chi emette criptovalute, mancano anche diritti corrispondenti.

La resistenza della classe bancaria e degli intermediari a tali valute non è dovuta semplicemente al timore di perdere un segmento di mercato.
Il problema è che si tratta di un sistema descritto come un’enorme e geniale possibilità di aggirare i numeri intermedi.
Ma la verità è che pochi si rendono conto che la mancanza di protezione può avere conseguenze gravi e irreversibili.
D’altra parte, anche la sicurezza nello spazio delle criptovalute è uno dei temi di investimento più importanti nel 2019. Ne ho parlato altrove se vuoi saperne di più.

Il verificarsi di queste impreviste conseguenze danneggerà ulteriormente la credibilità dell’intero sistema economico e finanziario, sfruttando la già diffusa paura e diffidenza.

azioni investimenti, investire, migliori investimenti, trading, forex, ethereum, bitcoin